• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

Quale differenze tra BES e DSA? Come riconoscerli?

  pubblicata il 20/12/2015

 

Rossana Gabrieli – Il Disturbo Specifico di Apprendimento si articola, secondo quanto stabilito in Consensus Conference e secondo il DSM V in: dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia. Ad ognuno di questi disturbi corrisponde un codice clinico che fa capo per l’appunto al DSM V o all’ICD 10.

I Bisogni Educativi Speciali (secondo una definizione mutuata dai paesi anglosassoni (SEN: Special Educational Need), sono stati inquadrati secondo la legislazione italiana (Direttiva 27/12/12 e CM n.8/2013), in tre macrocategorie:

quella della disabilità, quella dei disturbi evolutivi specifici (deficit del linguaggio, delle abilità non verbali, della coordinazione motoria), ricomprendendo  anche quelli dell’attenzione e dell’iperattività, mentre il funzionamento intellettivo limite può essere considerato un caso di confine fra disabilità e disturbo specifico) e quella dello svantaggio socio-economico, linguistico, culturale.

I docenti, ovviamente, osservano le difficoltà e le problematiche, ma non fanno mai diagnosi, ma rilevano le difficoltà emergenti e, laddove lo ritengano, suggeriscono alle famiglie un invio alle strutture competenti per l’iter diagnostico eventuale.

(fonte: http://www.bes-dsa.it)

Calendario

Dicembre 2018               <<   <    >  >>  
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Scorciatoie



Ricerca


Partner

Immagine sponsor

Immagine sponsor